Divertenti, gentili ed ironiche, queste
storie sono fatte per essere lette
assieme da genitori e figli.
Le amerete.

  e. o. plauen (Erich Osher)
  Padre e Figlio. Una storia a disegni.
  Prefazione di Gianni Brunoro

Collana: ANTIDOTI.
Brossura cucita; pagg. 128,
formato 11x17 cm
ISBN: 9788895833149
Prezzo: € 10,0

Il libro su IBS
Il libro su Amazon
Il libro su LaFeltrinelli

Clicca qui per leggere un estratto!

RECENSIONI
"Padre e Figlio" sul sito "Fumetttologica"

Apparse in Germania negli anni dal 1934 al 1937, queste piccole storie mute hanno per protagonisti un padre burbero e bonario e un figlio fantasioso e ribelle. Pubblicate in una rivista a grande diffusione, divennero popolari e amati come le classicissime serie «storia e gloria» del fumetto tedesco degli inizi, Pierino porcospino e Max e Moritz. Storie senza parole, perché, come dice lo storico dei fumetti Thierry Groensteen, «questi inseparabili padre e figlio non avevano bisogno di parlare per capirsi, rivaleggiando in astuzia e umanità».

Nella prefazione Gianni Brunoro colloca Padre e Figlio nel grande filone del fumetto muto, delineando con alcuni esempi classici la storia di questa particolare forma della «narrazione verbo-visiva» che sono i comics, dai “precorritori” (dal Fliegende Blätter, a Wilhelm Busch, a Caran d’Ache), ad esempi più recenti come The Little King di Otto Soglow e, in Italia, Giorgio di Benito Jacovitti.

Il volume presenta per la prima volta in monografia in Italia una ampia selezione di queste storielle mute.
***
E. O. Plauen, pseudonimo di Erich Ohser (1903 –1944), è stato un disegnatore, fumettista e caricaturista tedesco attivo dal 1926 al 1944. Il suo atteggiamento critico verso il regime nazionalsocialista lo costrinse ad interrompere l’attività di disegnatore politico. Nel 1934, per riprendere a lavorare, accettò di utilizzare uno pseudonimo (le sue iniziali con il nome del paese natale) e di non trattare argomenti politici. Arrestato nel 1944 a Berlino per aver espresso apertamente critiche al regime, si suicidò in carcere prima del processo.